venerdì 30 maggio 2008

DI che peccato sei??

Interrogazione di alto livello la mia.....

L'accidia è il male del nostro tempo. Si manifesta attraverso la noia, l'indifferenza, l'afflizione, e attraverso quello scoraggiamento che ci induce a lasciare perdere di fronte alle difficoltà...

L'ira è percepita come qualche cosa d’altro da noi, che può impossessarsi di noi facendoci perdere la capacità di controllo e l’uso della ragione



La superbia... . Il superbo, infatti, è una persona innamorata di una superiorità, vera o presunta, che vorrebbe vedere riconosciuta dagli altri




LA GOLA Darsi una misura nell'assunzione del cibo può essere molto difficile, perché gusto e olfatto sono i sensi più arcaici che mettono in moto le zone più primitive del nostro cervello, quelle su cui i nostri ragionamenti, i nostri propositi, la nostra buona volontà hanno una scarsissima incidenza.






L'avarizia..... è tuo tutto tuo solo tuo, guai a chi tocca la tua proprietà. Zio paperone insomma.






L'invidia.... L'erba del vicino è sempre più verde. Non ce l'ho... quindi lo voglio.




La Lussuria

Non accetti e non ti poni limiti nell'atto sessuale. Tutto vabbene purchè fatto con passione e con frequenza almeno settimanale.




Senza dubbio pecco.... e non una volta sola.
Certo non mi si può attribuire l'accidia.. caxxo faccio piu cose io in una giornata, che il presidente degli stati uniti in un anno......la mia prima confessione riguada....
LA GOLA.... adoro mangiare adoro mangiare adoro mangiare... anche quando sono pieno il cioccolatino il biscottino e poi la caramella, e poi la liquirizia e poi qualc'altro ancora ha sempre spazio nel mio stomaco. Per fortuna sono un fitness trainer altrimenti ora sarei Giuliano Ferrara la vendetta.


Altro mio peccatone capitale, è senza dubbio LA LUSSURIA... mi piace il sesso, non mi piace pormi vincoli e soprattutto non condivido la definizione di lussurioso come colui che si comporta in maniera smodata e viziosa o ancora peggio peccaminosa. E' peccaminoso privarsi di quei piaceri che la vita e il corpo ci offrono. Se ogni persona a questo modo avesse modo di appagare certi desideri e istinti erotici (alla fine siamo sempre animali) penso che questo sarebbe DECISAMENTE UN MONDO MIGLIORE.

Non mi scorderò mai dell'aneddoto del buon professore Bertoldi, che ci disse che i francescani usavano (usano?) il cordone della casacca per legarselo in maniera fastidiosa vicino ai genitali per evitare le polluzioni notturne.
CIOE' STATE BRUCIATI ZII


MA GODETEVE LA VITA...


Voi come peccate????


Xandro

9 commenti:

Anonimo ha detto...

1- Che senso ha tutto ciò?

2- E l'accidia?

3- Ciao :*

Alessandro! ha detto...

Come che senso ha?

Rileggi ho aggiustato il testo sotto che era troppo piccolino...

Ciao a te

LeMon ha detto...

risposta di basso livello la mia....

Accidia: quando uno è talmente de occio a capì i fatti che uno alla fine dice "lasciamo perdere va!"

Ira: quando tuo padre scassa così tanto che ti viene di mandare a ..(nn si può dire dove)a lui e tutta la razza sua!

Superbia: sempre inveendo contro tuo il vekkio pensi e dici << ma con chi crede di stare a parlare?io ho 21 anni, nn sono mica un bambino!>>.

Gola: ormai strafatto di ira nn potendo realmente mandare lì(nn posso dire il nome) tuo padre te sfoghi sul gelato.

Avarizia:essendo incazzato nero ti finisci un intera vasketta da 1\2kilo di cart d'or nn tenendo conto del fatto(xkè sei avaro a morte) che tua madre la notte affoga suoi dispiaceri nel cibo(siamo tutti pekkatori)

Lussuria: nn mi pronuncio!

lemon pekkatore

Alessandro! ha detto...

ci vediamo all'inferno allora

LeMon ha detto...

e NO! è già la vita un inferno! facciamo purgatorio così con un paio de pater noster e ave maria San Pietro ci fa entrare in Paradiso.(in omaggio una confezione di caffè lavazza).

Alessandro! ha detto...

OTTIMO :D

Gan ha detto...

Alessandro, Lemon, ma non che non ci andate, all'inferno! E manco al purgatorio! Vi assolvo con la teoria casistica dei gesuiti, e cioè che un peccato può anche non essere tale a seconda del contesto in cui lo si commette. Ad esempio, Alessandro: se fai l'amore con il tuo Lolò non è mica un peccato di lussuria, sai? Lo sarebbe se quando hai finito con lui scendessi e lo facessi col portinaio. E Lemon, se un padre scassa così tanto da far perdere la pazienza ad un santo, l'incazzatura è una giusta reazione, non un peccato d'ira. Ciao belli!

Lolò ha detto...

Grande! Questa me la segno: "teoria casistica dei gesuiti"

Gan ha detto...

Lolò, se poi vuoi fare il figo ricordati di dire "casuistica": li stenderai tutti!
Ciao simpaticoni!