lunedì 8 dicembre 2008

Immacolata Concezione: Lolò's Stream Of Consciousness

Quando andavo al Liceo, ero solito riempire il diario di frasi/impicci inutili, ma che avessero un senso per me.
Ad esempio?
Qualche immagine da dragon ball (anni 2000-2001), card plastificate di Arale, immagini 3D di picchio pazzerello che facevano uscire matto Giorgio (perchè ci si "intrippava", come diremmo qui a Roma), immagine di Neo sulla copertina del diario del 2003 per l'imminente uscita di Matrix Reloaded ecc.. :P
Ero ragazzo, che ci volete fare..

Conservo ancora tutti quei diari, e non so se li butterò mai.


Come si può notare compravo soprattutto il "
sottobanco", utile perchè aveva al suo interno il "controregistro" col quale era possibile avere un minimo di previsione sulle interrogazioni, o tenere il conto di quando sarebbe stato il tuo turno nelle interrogazioni "programmate" ovvero quelle in cui era già stabilito l'ordine delle interrogazioni. Era centro di consultazione da parte di tutti in classe. Si era soliti dire "fammi controllare quando mi viene il ciclo" :P

Inoltre aveva un modulo già preimpostato per potersi segnare in modo ordinato tutti i voti materia per materia; aveva poi un comodo calendario iniziale, e un altro calendario che aveva la funzione di segnalibro per il diario, che io ero solito annerire giorno per giorno, casella per casella, fino a quando l'ultimo giorno di scuola tutte le caselle erano nere e il gioco era completato. Non potete immaginare cosa significasse per me. A quel punto, come in un antico rituale celtico, l'ultimo giorno di scuola, tornato a casa, ero solito bruciarlo, facendolo diventare cenere e facendo dissolvere nel nulla quel segnalibro, simbolo di sacrifici e fatiche scolastiche. Altra cosa che facevo l'ultimo giorno di scuola era andare a casa e ascoltare delle musiche dal cd di Rondò Veneziano (che ancora ho). Ma questa è un'altra storia..

Tornando al diario..

Dentro mi scrivevo anche le "frasi celebri" dei professori, quelle che dovevano essere tramandate ai posteri.. Mi segnavo i giorni di vacanza, le uscite a teatro o al cinema con la classe, le gite, il fantastico giorno mensile di assemblea d'istituto..

Poi gli ultimi 2 anni ho iniziato a scrivere nella pagina relativa al 1° giorno del mese, un resoconto sul mese appena trascorso. Non tanto scolastico.. più che altro sentimentale/affettivo.. Scrivevo come mi sentivo, cosa mi dava coraggio, cosa mi abbatteva.. se avevo legato particolarmente con qualcuno della classe.. se avevo rivisto i miei amici del mare.. Ecco per un anno mi sono addirittura segnato tutte le volte che andavo al mare, nel calendarietto all'inizio del diario. Per me era abbastanza un evento.. Dovete capire che per anni quando io arrivavo al mare, e scendevo dal pullman, un'orda di ragazzi (e ragazze) mi veniva ad abbracciare forte, contenta di rivedermi. Con alcuni di loro questo legame c'è ancora. Ma entrano comodamente in una mano, anzi su due dita.

Oltre a ciò scrivevo, sulle pagine libere, le frasi che avevo sentito o letto e che mi avevano colpito di più.
Poesie.

Ecco, il punto è che mi piacevano tanto, che qualcuna me la inventavo pure io.

Ne ho scritte 4 di "poesie" (se vogliamo chiamarle così), e per decenza e per il rispetto che provo per chi studia Letteratura, non le riporterò. La raccolta di queste (4) poesie aveva un nome: "Emozioni e Verità fotografate". Ecco, basti il titolo.
Le ho scritte alla fine del 2001. Quanto tempo è passato.

Oltre a queste "poesie" mi divertivo a creare brevi quartine in rima, spesso in romanesco, perchè adoro i componimenti di Trilussa: li trovo geniali, arguti, pungenti, intelligenti.
Le mie invece erano più cazzate in rima :D

Ad esempio, sulla pagina dell'8 dicembre, giorno dell'Immacolata Concezione (ah ecco che c'entra il titolo del post), sul mio diario era possibile trovare:


Si capisce o necessita di traduzione romanesco-italiano? In sostanza:

O Madonna Immacolata,
ci salvi una volta ancora,
perchè, non per dire una cavolata,
ma ci fai saltare un giorno di scuola

:P

E voi direte: ma che cazzata! Non fa manco rima fra un pò!
Ho capito, ma io ve l'ho detto che scrivevo solo cazzate in rima!
Ma la rima non c'è!
Vabbè, c'è assonanza! E che rompicoglioni!

Lo sapevo che non vi dovevo parlare di me! Me ne torno nel mio guscio! Addio!

Lolò

10 commenti:

r3try ha detto...

lolò ma perchè dici così???
ma hai fatto benissimo a scrivere qst post! finalmente sappiamo qualcosa anke di te!
mi hai fatto tornare in mente dei miei 5 anni di superiori : nn 6 l'unico a tenere i diari di quei 5 anni, i migliori della mia vita finora! a differenza tua, io sn il tipo da "smemoranda" e solo negli ultimi 2 anni ho scoperto il "comix". le cose più belle che ricordo : le pagine delle domeniche piene di dediche, prese per il culo (su di me e sui prof), canzoni scritte da me (ke inevitabilmente occupavano pure il lunedì e il martedì), la pagina dei soprannomi, delle bestemmie, delle "frasi celebri" e quelle 800 foto circa delle cazzate ke succedevano a lezione!
bei tempi quelli, eravamo una classe unita...meno male che adesso siamo un gruppo di amici uniti, mi sentirei perso senza di loro!!!
ma vogliamo parlare delle foto di classe : miseria eva, se ero tamarro!!! ma, soprattutto, quanto ero giovine XD ormai invecchio di 2 anni in 1 da quando ho cominciato l'univ...voglio tornare indietro!!!

p.s. "fammi controllare quando mi viene il ciclo" è stupenda XD

Dreamer ha detto...

grande! il sottobanco!
credo che nella mia scuola io ero l'unico ad averlo!
era pieno di piccole chicche!
poi PURTOPPO mi sono omologato alla Smemo...
io tenevo il cazzabolario di classe: le castronate dei prof e dei compagni, quasi sempre erano + numerose quelle dei prof!

bei momenti.
quanto mi mancano!

Gigi ha detto...

Che dolceeeeeeee =) =) =)
Uno dei più bei post scritti...

Rendici più spesso partecipi dei tuoi flussi di coscienza. E io voglio assolutamente leggere le 4 poesie! Lo voglioooooooo! =)

A meno che tu non me le voglia recitar di persona...AHHHHHHH MENO 4!!!!

La mia poetessa preferita in questo caso avrebbe detto:
"S.O.S. please someone help me.
It's not healthy... for me to feel this way".
E poi avrebbe mosso un pò il sedere.

MirkoS ha detto...

Post carinissimo, grazie per averci voluto far partecipe di questi tuoi ricordi che un pò sono anche i nostri. Quando ero alle superiori volevo crescere il prima possibile, lasciare quella scuola diroccata dove ogni scusa era buona per fare "sciopero". I prof ci sgridavano al rientro il giorno seguente e ci dicevano "ragazzi rimpiangere questi giorni". In effetti un pò li rimpiango, ma ahimè c'est la vie!

Buono studio!

LeMon ha detto...

nn c'è che dire.... sei un maledetto ahfgsnssj quando posti quei quiz(stai attento c'è una congiura in atto contro di te) e dopo ti trasformi in un essere dolcissimo quando ci doni questi stralci della tua vita.Ha ragione ale a dire che sei Dorce!;-)
ank'io in un passato remoto ho scritto poesie ma per rispetto dei veri Poeti nn le cito nemmeno, non vorrei che quelle poca ossa che sono rimaste del Foscolo a causa mia si disitegrino oppure che un Leopardi mi venga in sogno la notte!
io ero uno smemorando(anke di fatto!) ma i diari li ho sempre detestati:
1 perchè ci scrivevo i compiti da fare a casa
2 perchè gli altri ci scrivevano delle sdolcinate ma ipocrite affermazioni
3 i professori ci scrivevano delle note negative da far poi visionare ai miei e controfirmare
eeeeeeeeeeeeeeeeeeeee CMQ OGGI SIAMO A QUOTA -4

Gigi ha detto...

Ma nei vostri diari, scrivevano frasi tipo:

"Come la barca lascia la scia io ti lascio la firma mia".

oppure:

"Ti scrivo nell'ultima pagina per essere l'ultima persona ad essere dimenticata".

oppure:

"Se una mattina ti svegli e non vedi più il sole o sei morto, o sei il sole - jim morrison".

oppure:

"non può piovere per sempre - the crow".

O le amiche malate ce le avevo solo io?

benedetto xvi ha detto...

Finalmente Lolo il timido si comincia a scoprire...e che scopriamo che è pure un tajo, matto come ale. Continua con sti post, Lolo, daje :D

Rio Pacheco ha detto...

Lolò, bel post :) queste cose mi fanno sempre divertire, sentire i racconti degli altri sulla loro adolescenza! ci hai fatto un bel resoconto, ma lasciandoci con l'amaro in bocca con la storia delle poesie....

cmq anche io conservo i miei vecchi diari, e ne ho uno bellissimo (smemoranda) ricoperto di pezzi di jeans tutti diversi attaccati con l'attak...dentro ci sono le caricature dei prof, battute, scritte...pasticci...sfoghi di quando impazzivo (molto spesso per la cronaca)...e forse anche qualche poesia :)

ps: sospetto che Gigi stia mentendo sulla sua età...o hai almeno 5 anni di più o sei troppo anni '90 con quelle scritte!! cioè mia sorella lo faceva...ciao by me che sono io. Vabbè che a nuoro le cose arrivano in ritardo...a causa del fuso orario con cagliari...

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good

Anonimo ha detto...

La ringrazio per Blog intiresny