domenica 18 gennaio 2009

Provvedimento risolutivo o furbata?


Questo non è il solito post antiberlusconiano.
Mi sono davvero seccato di incazzarmi a vuoto.
"Urlare" che è uno stronzo piduista è improduttivo se il suo sostenitore ti risponde "xke è mejo er mortadella?".
Facciamo una cosa... abbassiamo le bandiere. Mettiamo da parte le ideologie.
Osserviamo E POI valutiamo la realtà dei fatti.
Quelli veri.
Quelli incontestabili.
Io non darò giudizi.
Riporterò solo delle notizie.
Non mi accusate quindi di FAZIOSITÀ'.


Come sappiamo ormai da anni Rete4 occupa le frequenze di Europa7.
Europa7 si è rivolta all'Europa, che ha sentenziato che il governo italiano doveva prendere quanto prima provvedimenti affinché alla legittima proprietaria delle frequenze fosse restituito ciò che era di sua appartenenza, altrimenti avremmo pagato 300.000 euro e passa di multa AL GIORNO.
Questo vuole significare che fino ad ora Rete4 è stata abusiva.
Quando il governo Berlusconi era ancora in propaganda, l'onorevole Gasparri disse che questo piccolo problemuccio sarebbe stato risolto.
La riassegnazione delle frequenze non c'è stata, però recentemente sono stati presi provvedimenti risolutivi in merito.
Come sapete Rete4 è proprieta Mediaset, ergo un canale privato. Le pubblicità che utilizza sviluppano introiti che vanno direttamente nelle tasche dell'investitore; Silvio.
In questo non c'è niente di male sia chiaro.
Quello che invece è illecito è che il provvedimento preveda che la RAI (radio televisione italiana), azienda PUBBLICA, e gli altri canali debbano prendersi l'onere di trovare uno spazio alla maltrattata Europa7.
Nel mentre le sanzioni per l'abusivismo di Rete4 impostate dall'Europa chi le paga?
La logica vorrebbe che se un abusivo trae beneficio su delle proprietà non sue, quanto meno provveda a pagare la multa che il suo abusivismo comporta.
No cari miei.
Le VOSTRE tasse, quelle che Silvio vi ha decurtato togliendovi l'ICI, dovranno coprire in qualche modo la multa giornaliera di TRECENTO MILA EURO!

Quindi ricapitoliamo;
Lui possiede un canale. Questo canale occupa una frequenza non sua. Tuttavia continua a campare e a guadagnare tramite le pubblicità. I soldi delle pubblicità vengono intascati da Mediaset-Silvio. Europa7 a cui spettano le frequenze se ne deve trovare altre litigando con gli altri canali. E VOI RAGAZZI PAGATE LA MULTA PER FAR VIVERE RETE4 E FAR INTASCARE SOLDI A SILVIO.

Si aprano i dibattiti ora.
Il post è rivolto soprattutto ai filoberlusconiani.
Non è un attacco, è semplicemente un invito alla riflessione.
Cosa ne pensate?

Ale!

3 commenti:

rainbowboy ha detto...

penso che la gente la sa ormai questa cosa e nonostante questo se la fa andare giù bene..perchè l'impressione purtroppo è quella che la multa non la pagano in prima persona e che cmq il conflitto di interessi non rappresenti un problema...qndi bisogna rassegnarsi all'idea che la maggior parte della gente è ignorante e campa utilizzando il minimo indispensabile della capacità cerebrale e pensando che la libertà e la democrazia siano dei doni ottriati. Analizzata poi dal punto di vista giuridico credo che il fatto che il consiglio d'europa organizzazione a cui appartiene la corte di strasburgo sia ancora troppo debole come organismo internazionale..penso che sarà una svolta positiva l'entrata in vigore del trat. di lisbona che farà aderire l'UE alla CEDU.

Anonimo ha detto...

No Ale la situazione è molto ingarbugliata e per nulla chiara: lo stato avrebbe dovuto pagare una multa (retroattiva a partire dal 2006) se entro quella data non avesse dato una frequenza a Europa 7. Precisamente l'11 dicembre 2008, il Ministero dello Sviluppo Economico ha assegnato le frequenze VHF III (una frequenza Rai) a Europa 7. Per cui è presumibile che al momento lo stato non paghi nessuna multa. Una questione in sospeso rimane la richiesta di danni fatta da Europa 7 allo stato (circa 2 miliardi); la questione è ancora in dibattimento.

Pipi

Anonimo ha detto...

Manca un pezzetto. La multa...se entro il primo gennaio 2009