mercoledì 27 gennaio 2010

Libertà d'informazione o tutela dei minori?

Ieri sera, guardando Blob, ho avuto modo di vedere il seguente video:



E' giusto parlare di temi inerenti l'identità sessuale anche in fascia protetta oppure no?

A mio giudizio occorre parlarne, anche in fascia protetta. E non solo per i bambini, ma anche per gli adulti, che spesso sono meno informati dei bambini.
Ovviamente nel dovuto modo, tenendo presente che ci saranno dei bambini all'ascolto.

Forse i temi che possono essere evitati sono quelli attinenti al sesso, e alle pratiche sessuali.
Ma non tanto quelli relativi all'identità sessuale.

Forse qui si confonde l'identità sessuale (identità di genere) con il sesso..

Voi cosa ne pensate?

Lolò

5 commenti:

Gabriele ha detto...

Io a 10 anni sapevo cercare i porno su internet eppure non credo di aver subito particolari danni... Il tutto dipende dal contesto in cui si fanno certe cose e come il problema viene affrontato dalla famiglia in primis che dovrebbe vigilare e dal conduttore in secundis che dovrebbe PARLARE di certe cose ma con RISPETTO!!!
Buon pomeriggio!!
Gabri

gigi er libraro ha detto...

e che ne vuoi pensare? Purtroppo è l'ennesima ipocrisia del tipo "si fa ma non si dice". Soprattutto non se ne può parlare in tv, chè si potrebbero inorridire le caste orecchie dei pargoli (che di solito invece di sentirsi ste boiate [stiamo parlando di pomeriggio5, nevvero?] a quell'ora si stanno scaricando l'impossibile dalla rete).
Cattobigottismo à la moige.. mentre qui si scandalizzano pe ste cose, in Francia in piena "fascia protetta" fanno vedere video come Le but de la bite (quello che avevate postato giorni fa per capirci) e in Spagna mandano senza problemi telefilm per adolescienti strapieni di personaggi dichiaratamente gay.
As usual, purtroppo siamo indietrissimo su tutta la linea. E senza la voglia di metterci al livello degli altri

gigi er libraro ha detto...

che poi basterebbe pensare al fatto che l'educazione sessuale a scuola è un tabù infrangibile per rendersi conto di quanto stiamo messi male..

Tommaso ha detto...

La televisione e' talmente ipocrita che per poco non mi viene da vomitare. La questione di cui si parla nel video e' il massimo del grottesco, e qualunque commento e' superfluo.
Una cosa: prendo a esempio (come apoteosi dell' assurdita' della TV) l'Isola dei Famosi: non e' pazzesco come possano convivere, in uno stesso spazio, un divorzio telefonico (creato ad hoc) tra Albano e la Lecciso - il top del dis-esempio, e una squalifica di un concorrente per aver detto sotto voce una bestemmia - come a dire: qui vige la moralita'?

Filippo ha detto...

E' molto più che importante, Lolò : avrei fatto carte false pur di avere una piccola finestra su questo mondo, durante l'adolescenza...mi sarei risparmiato un sacco di domande ed un sacco di preoccupazioni inutili.
Inoltre, credono forse che, un ragazzino curioso, non soddisfi la sua curiosità in altri modi???
Potrebbe pure cadere in errore durante questa ricerca; per cui, perchè non facilitare lui nella sua ricerca e soddisfare il bisogno di controllo da parte dei genitori, semplicemente parlandone???
Al solito, ci si vuol nascondere dietro ad un dito : tutto ciò che alla collettività non va bene, è da considerarsi sbagliato, immorale...e 'sti cazzi :@

Si sono scandalizzati tanto per quest'intervista perchè andata in onda in "fascia protetta" ... ma vogliamo ricordare cosa passa in fascia protetta tutti i pomeriggi? Quel porcaio del "Grande Fratello" dove lo mettiamo?
Vladimir Luxuria è immorale ma vedere gente scopare tutto il giorno, urlare, bestemmiare ed usare violenza è molto educativo ed è proprio un buon esempio di moralità...
RIDICOLI!!!

E non posso fare a meno di trovarmi d'accordo con Gigi : quanti problemi si eviterebbero se si tenessero corsi di educazione sessuale a scuola...poi, qualcuno si pure lamenta e si scandalizza per la classica gravidanza indesiderata in tenera età.
Ripeto RIDICOLI!!!