giovedì 18 febbraio 2010

Contate i nei di Cristiano Ronaldo!

Basta andare sul sito di Armani Jeans, dove è possibile trovare delle foto in super high resolution del bel Cristianuccio. In alternativa gli potete contare i peletti sulle braccia.

Ma che je volete dì.. Qua è venuto bene pure de viso!

Questo post però non è solo la celebrazione del bonazzo di turno (un post star-celebrativo lo dovevo fa pure io prima o poi).

La riflessione che vuole smuovere è: ma il signor Armani è davvero così illuso che io mi ricorderò minimamente dei suoi vestiti? Io neanche mi ricordo più che vestito indossava Ronaldo sulla foto che ho appena visto! E poi anche se mi ricordassi il vestito, perchè me lo dovrei comprare? Il signor Armani mi promette che mettendomi lo stesso paio di jeans il contenuto dei jeans diventerà pari a quello di Cristiano Ronaldo? Ovvero che mettendomi quei jeans assomiglierò di più a lui? O forse dovrei fare l'associazione mentale: bello Ronaldo -> quindi bello pure il vestito..

Sono sicuro che sulla bellezza usata a fini commerciali si possano realizzare, e sicuramente sono state realizzate, interessantissime tesi di laurea (amico bresciano iluminami tu)

Ma anche sulla bellezza in generale, senza fini commerciali.

Mi ricordo che la ragazza più brava della mia classe alle superiori, portò come argomento della tesina all'esame di maturità proprio "la bellezza".

Perchè ci affliggiamo di più se muore Heath Ledger piuttosto che se muore Pavarotti?

Perchè siamo più portati a pensare che una persona bella sia anche più buona, simpatica e intelligente? Può la nostra mente essere ingannata in modo così semplice? Non riesce a distinguere l'aspetto estetico, dal contenuto?

E perchè un programma televisivo è più seguito se appare una donna più nuda che vestita (vedi le troiette dei programmi di Enrico Papi; vedi lo spogliarello di ieri sera a Sanremo)?

Può la bellezza influenzare così tanto la nostra vita?

Anche l'occhio vuole la sua parte? E' solo questo?
BOH

Sento che dietro c'è un universo, che sarebbe interessante studiare.

O meglio, che sarebbe stato interessante studiare se avessi scelto Psicologia anzichè Ingegneria (dannato Giorgio che mi prendeva in giro Psicologia!!! Non starei qui a studiare la conversione da fonte eolica che tanto non applicherò MAI nella vita!)

Oh!


PS: L'ammore mio è l'ammore mio e rimane il più carino del mondo, confermato da anni ormai, e ha vinto il premio anche per il 2010! Braavo amoo!!

^_^

Lolò

7 commenti:

-IlDave- ha detto...

Caro Lolò, a parte il tuo personale premio per Ale, che era un po' scontato, provo a risponderti :D
Io sostengo da tempo che la bellezza è oggettiva. Una cosa o è bella o e brutta. Molto differente è il piacere personale che l'oggetto in questione provoca in chi lo guarda. Quindi il "mi piace" o "non mi piace" è personale. Ciò che piace a te può non piacere a me. La bellezza invece no. E' oggettiva. Tanto è vero che l'estetica è una filosofia precisa (se l'aggettivo "preciso" si può accostare a "filosofia"). Il gusto si modifica nella storia: pensa al modello ideale negli anni 50, oggi ci fa ridere. Nessuno di noi oggi andrebbe in giro vestito come nel telefilm Happy days. Eppure Grace Kelly è tutt'ora icona di bellezza perfetta. In ogni caso credo che sia davvero poca la gente al mondo in grado di differenziare bello e brutto. Tanti, anzi tutti, sanno riconoscere cosa a loro piace e cosa no. La bellezza, eccessiva, è noiosa. Immaginati un mondo "alla Canova" .... quasi a nessuno piacerebbe.

EdO-Heartless ha detto...

La bellezza è oggettiva fino ad un certo punto. Il concetto di cos'è bello dipende dai modelli che ci propongono. Un fisico come quello delle dive anni 50, fianchi strettissimi e vita da ape, oggi verrebbe criticato come troppo formoso. 30 anni fa andavano i ricci, oggi sembra che tutti stiano meglio lisci. Sono modelli culturali che consciamente o inconsciamente tutti seguiamo!

EdO-Heartless ha detto...

ovviamente volevo dire "larghissimi" non "strettissimi" >_>

alessandra ha detto...

anche io alla maturità ho portato la bellezza!per quanto il concetto di bellezza vari di epoca in epoca è sempre un elemento costante e presente in ogni campo!ci hai mai fatto caso lolò che quando studi qualcosa in cui c'è una formula matematica (e può essere chimica fisica etc etc) arriva sempre il punto in cui ti dicono..."questa è un'espressione + elegante, + bella!" una formula può essere bella?!sì!e nella matematica bellezza è semplicità, perchè un'espressione semplice è ovviamente + immediata (prendi E = mc^2...)xoxo :)

Filippo ha detto...

Non me ne voglia il signor Pavarotti ma, a mio avviso, l'occhio vuole la sua parte (ed aiuta a tirar su lo share, che lo si voglia oppure no)!!!
Anche se il concetto di bellezza è relativo, spesso è legato ad altre caratteristiche come l'essere famosi. L'essere famosi, e magari anche belli, fa si che le persone comuni aspirino a diventare come te! Ed è proprio per questo che ci si avvale di personaggi famosi per le pubblicità. Il concetto del signor Armani è proprio quello, Lolò : la vendita del capo è un concetto superato, superfluo se vuoi.
Si devono vendere stili di vita, modi di essere ed è proprio per questo che ci si serve di personaggi famosi, aitanti e possibilmente sportivi!
Trovami una foto su quel sito in cui si riesce a vedere in maniere sufficiente, un capo del buon Armani : se volessi comprarti quel paio di jeans, non sapresti nemmeno di che colore sono finchè non ti arriverebbero a casa!
Il messaggio che deve arrivare è che, se ti vesti Armani, sarai importante tanto quanto chi li indossa.
Stesso motivo per cui Nike oppure Adidas, ad esempio, affida le sue pubblicità a molti sportivi famosi : indossando capi di quel tipo, il tuo corpo sarà una macchina da guerra per cui niente è impossibile (citando entrambi gli spot).
Nella realtà, la magliettina aderente da corridore ti sta come lo spago attorno ad un cotechino ma niente è impossibile no!? :D

A tal proposito, sul potere dei marchi sulle persone, vi è un libro difficile ma molto bello da leggere di Naomi Klein, chiamato No Logo. Provare per credere!

p.s. Io ho contato tutti i nei di Cristiano e siamo attorno al centinaio...ma mettersi un pà più di crema prima di mettersi al sole no!? :P

Lolò ha detto...

Son poche le cose che mi ricordo dalle superiori delle lezioni di Filosofia.. ma questa della bellezza oggettica (era Kant?) è una di quelle che ricordo, perchè non ero affatto d'accordo! :D

Io son cresciuto a pane e "non è bello quel che è bello, ma è bello quel che piace" oppure "la bellezza è negli occhi di chi guarda".

:)

-IlDave- ha detto...

Noooooo! Io sostengo ferocemente la tesi che il bello è oggettivo. Non posso concordare con te. Pazienza :D