martedì 6 luglio 2010

Gaygle


“Più soldi in busta paga per i dipendenti omosessuali”. Non è una sparata all’indomani del Gay Pride di Roma, ma una decisione messa nero su bianco da Google. Degli oltre 20 mila dipendenti che lavorano in tutto il mondo per il motore di ricerca, oltre 700 sono dichiaratamente omosessuali. Ora Google riconosce loro (ma solo negli Usa) il diritto ad un risarcimento per gli sgravi fiscali che, non essendo sposati, non possono chiedere al fisco.

Trovatemi un'azienda così in Italia e non faccio più nemmeno un post con la parola Italia associata a insulti

Qui

Lolò

1 commento:

gigi er libraro ha detto...

[off topic; ma anche no]
se perfino il FT scrivre articoli così sull'Italia
http://www.giornalettismo.com/archives/71492/financial-times-berlusconi-fine/
c'è solo da sperare che c'abbiano preso!