venerdì 29 ottobre 2010

Bunga Bunga

Anche io che sto vivendo un po' fuori dal mondo ho sentito del Bunga Bunga.. Spero lo abbiate sentito anche voi..

Questo un piccolo flash:



Che dire..

Ormai c'abbiamo fatto l'abitudine. E forse questa è la cosa più terribile.

Ci tira su solo il grande Elio, con un video che sta spopolando ovunque e che vi metto qui perchè non potete perderlo:



Lolò

5 commenti:

Bert ha detto...

Devo dire che ultimamente anche io vivo fuori dal mondo, quindi:
"Oh mio Dio! Una cosa del genere non l'avrei mai immaginata!" -_-

Sentendo certe cose mi rendo conto che, pensando quello che penso, potrei sembrare un OGM bacchettone creato dal miscuglio a casaccio del DNA di suor Germana e frate Indovino... comunque continuo a sperare che non sia un comportamento così diffuso.

Forse pensare di vivere nella casa del mulino bianco non mi aiuta o_O

ghostdog ha detto...

Beh, stiamo parlando di un vecchiaccio bavoso & bollito che (spero a breve) sta finendo di far danni.
Ma trovo ancora più agghiacciante leggere le motivazioni allucinanti per cui certa gentucola se in**zza. Cose tipo queste
http://www.giornalettismo.com/archives/91924/ruby-elettori-pdl-web/

Lolò ha detto...

@ghostdog: My god..

gigi er libraro ha detto...

Secondo me, al suo disturbo ego-maniacale (quello che lo porta a sfoggiare una delle più clamorose forme di megalomania cronica, ormai citata nei manuali di medicina) già ben noto si è aggiunta una satiriasi compulsiva. Ovviamente la cosa più schifosa è la telefonata alla Questura di Milano per far pressioni, oltre alla bugia su Mubarak, una roba per cui l’Egitto potrebbe farsi sentire tramite ambasciata (se non è già successo e noi non lo sappiamo).
Veramente, non vorrei più parlare di questo vecchio porco malato. Se si levasse dalle palle (scusate la finezza, ma quanno ce vò, ce vò!), sarei felice di non dovergli più dedicare una riga di commento; come voi di non doverci più scrivere nemmeno un post.
Detto questo, resto convinto che lui sia il sintomo, NON la malattia, di questo paese; e quel link che v'hanno postato stamattina temo lo confermi

gigi er libraro ha detto...

bellissima, ineccepibile, da applausi
http://blog.leiweb.it/marinaterragni/2010/10/31/lettera-a-un-vecchio-di-nome-silvio/