lunedì 29 dicembre 2008

Povia: il botta e risposta su facebook!


RAGAZZO: Ho inviato la foto che vedete in alto a Povia tramite FaceBook per fargli capire che non è il caso di giocare con certi temi e che in altri Paesi la gente muore.

Ecco cosa mi ha risposto...

POVIA: Allora sei fortunato che Abiti in Italia.

ragazzo: si certo sarebbe meglio se abitassi in Spagna almeno li i preti parlano solo nelle chiese... non li fanno cantare a Sanremo...
Se tu da gay non eri felice... non vuol dire che non lo siano gli altri... Con la tua canzone cosa vuoi dimostrare che l'omosessualità è una malattia? che è una perversione? Sai quanta gente si sentirà incoraggiata a esprimere odio nei confronti dei gay? A questo ci pensi? se ti servono soldi facciamo una colletta... ma non giocare con la vita delle persone.

POVIA: Io racconto la storia di uno non quella di tutti, Nessuna malattia nessuna guarigione. Non c'entra niente la chiesa, Io credo in Dio ma non pratico da 25 anni, sono sposato in comune e le mie figlie non sono neanche battezzate. Se cantassi di un etero che diventa gay andrebbe bene e il contrario no? non è equo. Non ti prendere in giro da solo, non sarò io o una canzone ad istigare manie suicide, omicide o odio.. é tutto il polverone che state alzando e con questo dimostrate che predicate la democrazia e la libertà di pensiero ma non appena si tocca l'argomento gay vi incazzate e minacciate "attacchi durissimi". Probabilmente tu con l'arcigay non c'entri niente e so benissimo che l'arcigay non è la voce onnipotente di tutti i gay. Non ho bisogno di soldi e non lo faccio per la pubblicità, non essere superficiale, se fai uno più uno vedrai che perderò un sacco di fans come già sta accadendo ma questo l'avevo preventivato naturalmente. Io vado fino in fondo perchè ci credo nelle mie idee e le porto avanti come sempre da sempre. Tu conosci solo un paio di brani miei, ascoltati il disco la tavola rotonda per esempio! ( questa è pubblicità invece ma in buonafede)

Ragazzo: Quindi fammi capire tu ce l'hai con l'Arcigay, se vuoi ti do il cellulare di Aurelio Mancuso (che è il presidente) e vedrai che è una persona tranquillissima. Sai benissimo che nessuno può imbavagliarti, solo che è facile pensare che ci sia una manovra politica dietro. Stiamo vivendo una fase di strisciante omofobia, la chiesa fa dei corsi per guarire dall'omossualità, non firma la moratoria contro la depenalizzazione dell'omosessualità... se ti ci metti pure tu è TROPPO :).
Io credo che tu possa raccontare quello che vuoi l'importante che non passi il messaggio omofobo... secondo me dovresti fare un comunicato stampa e dire che non hai niente contro i gay e che stai solo raccontando una storia di un tuo amico che ha avuto delle confusioni e poi ha capito cosa era... come se non sabaglio è successo a te giusto?
Il tuo Cd lo comprerò e l'ascolterò... sappi però che la canzone del piccione è terribile :D in bocca al lupo...

POVIA: Per ora è l'arcigay che ce l'ha con un titolo. Non mettermi in bocca cose che non ho detto;-)
Ragazzo: :) ok ma si può sempre fare chiarezza non credi?

secondo me invece stai zitto perchè tutto sommato sta situazione ti sta facendo comodo :)

dai tutta pubblicità, solo che alla fine rischi che si parli più delle polemiche che della tua musica non credi?

POVIA: La promozione me la stai/state facendo voi. Ora ci sono polemiche su supposizioni, Poi arriverà la canzone.

Ragazzo: ma la canzone di cosa parla esattamente di un tuo amico? È una storia autobiografica? ne parlerai a Domenica in? (domenica 4 gennaio)

POVIA Ne parlerò ovunque.


A me lascia un po' basito... troppa leggerezza.. poca chiarezza.......

Non mi piace...


Ale (era etero) (come un circo)

13 commenti:

Simone86 ha detto...

Domani sul giornale:
Povia, cantante sanremese, che sfondò con la canzone "Quando i bambini fanno oh" è stato trovato morto nella sua stanza d'albergo per avvelenamento. L'autopsia fornirà ulteriori dettagli.

Piangeremo tutti la scomparsa di un grande cantante. e insieme a lui, speriamo se ne vada pure marco carta.

Simone86 ha detto...

ma sto Luca... sarà mica un amico in comune co la Tatangelo?

MirkoS ha detto...

Una canzone d'amore: troppo banale a Sanremo, una sulla politica: rischiava di essere buttato fuori, allora sulla chiesa: apriti cielo l'avrebbero fermato ancora prima di salire sul palco... ecco una canzone sui gay: il mondo politico approva, la Chiesa approva, la società perbenista approva. I gay si agitano, i giornali ne parlano, lui si fa tanta pubblicità.

Sanremo ormai è diventato una vetrina in cui mettersi in mostra e Povia ha trovato il modo per aumentare la sua visibilità. Che paraculo!

Riccardo ha detto...

Ma i piccioni gli han proprio dato alla testa a sto coglione?!

Non può venire a dire che una canzone che tratta un tema (ahimè) in Italia così delicato come quello dell'omosessualità non porti nessun messaggio al suo interno, e se questo messaggio non è di tolleranza (cosa che con un titolo del genere non credo sia) ci credo che ci incazziamo! Cazzo pretende? Che andiamo pure ad ascoltarlo coi lumini accessi?!

Perchè allora non fa una bella canzone intitolata "Luca era cattolico/etero/destroide/comunista" (sottinteso: però ora è guarito :)faccina sarcastica) e vediamo se non si incazzano anche le rispettive parti, così vede se siamo noi gli antidemocratici!

Detto qst mi sono sfogato abbastanza....Buona giornata a tutto il blog

Ale223 ha detto...

ma secondo me ha ragione simone... non solo è un amico in comune con la tatangelo, ma è proprio quello dell'anno scorso. Sta poraccia, stanca di essere scambiata per una gatta (la Tatangelo le aveva preparato pure una lettiera) e invidiosa dei sette chili di trucco della sua padroncina, ha fatto il salto e si è dedicato al rugby, diventando etero. Poi, in qualche dark, ha incontrato Povia, e visto che sono entrambi decisamente decisamente guariti, han messo su la canzone.

benedetto xvi ha detto...

io ero etero...poi so guarito :D

LeMon ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
LeMon ha detto...

siamo alla frutta...
al mondo c'è tanta gente che pensa cose strane,basti guardare striscia la notizia per capire:ciarlatani di ogni genere e specie che chissà secondo quale scienza sono in grado di guarire mali incurabili.Giustamente essendo l'omossesualità una malattia,un cantante,non un medico, ribadisco "un cantante" ha scoperto la cura per guarire da tale affezione.Addirittura ne ha guariti 2 che ora sono felicemente sposati(le rispettive mogli la pensano allo stesso modo?).
Ora ognuno è libero di pensare quello che vuole. Ma in una società come la nostra che si definesce all'avanguardia(ma... i diritti delle coppie di fatto..da noi..),laica( il potere del cupolone ottunde la mente.alla fine siamo tutti cattolici!) e democratica(dal greco δήμος (démos): governo del popolo.fonte wiki.) non si può presentare durante un festival nazional popolare una canzone intitolata "Luca era gay".Bennato cantava sono solo canzonette.. ma questa può diventare un motivo in più per discriminare una diversità che la società ha definito tale ma che in realtà non esiste.

Quanto a Bonolis, mi sorge un dubbio: vuole trasformare Sanremo in quel becero programma dal nome Ciao darwin? e chi sono i concorrenti? ex etero contro ex gay? mah vedremo...

ero etero, sono gay. ero me stesso, sono (ancora) me stesso.

Kost ha detto...

mai stato etero :D

Lolò ha detto...

Quella foto mi fa rabbia

Simone86 ha detto...

Ma magari stiamo a fa tutta sta polemica per nulla. Non lo so, io credo che la gente ami solo farsi pubblicità creando "malintesi" nazionali, in modo da inimicarsi tutti e poi, surprise, "nun c'avevate capito un cazzo, il testo parla di tutto il contrario"...
Poi magari è na visione fin troppo ottimistica mi direte... A me povia sta sul cazzo a prescindere ed è inutile stargli a dire: non cantare canzoni omofobe a sanremo, non incentivare la chiesa sull' "omosessualità-malattia", non aizzare gruppi politici ancora di + all'omofobia, perchè tanto, se nun crepa prima de sanremo, questo la canzone la canta! E se spera che, pilotate come sono queste cose, non lo facciano vincere, perchè ormai Sanremo, che una volta era il festival della canzone italiana, mò è solo na farsa che serve per fare share e basta.
Io spero, e spero, e spero, che se povia facesse na canzone omofoba, spero e spero che tanti GRANDI e dico GRANDI della musica italiana, lo azzittiscano ognuno come può, da Tiziano ferro, a Irene Grandi, a Daniele Silvestri (che ci ha regalato na canzone pro-gay al massimo, Gino e L'alfetta), Vasco, P&C e quanti altri, scrivano qualcosa contro sto mentecatto ex-gay (pfffff :D). Che parlamose chiaro... ma CHI è POVIA? CHI è???? Un cantantetto che ha fatto i soldi co na canzone stile Tre parole de valeria rossi e che con medesima velocità è morto. Poi che a Sanremo prendano tutti quelli che voglion partecipare è chiaro, dato che le richieste per Sanremo scarseggiano, perchè ormai fa schifo a tutti. Giusto i vecchi e i falliti ponno fa sanremo. mah... staremo a vedere...

Rio Pacheco ha detto...

Vorrei anche io essere un piccione. Per poter cagare in testa a Povia.

LeMon ha detto...

anke J-azz degli articolo 31 lo prende per il culo con i vekki fanno ohhh