domenica 5 luglio 2009

Amore fraterno....

"Do Começo ao Fim"... film brasiliano in uscita nella sale...

I due protagonisti iniziano a guardarsi con occhi diversi, non più parentali, già dall’adolescenza, periodo in cui iniziano anche le prime effusioni, che spesso scambiano per affetto fraterno: un mix di sessualità, omosessualità e relazioni incestuose, che fanno già gridare allo scandalo.




Ma che dire??
Come si fa a guardare a scambiare l'amore fraterno per amore per un compagno?
Come si fa a provare attrazione sessuale??
Se fossero nati e vissuti lontani e incontrati solo nel periodo preadolescenziale, una storia simile poteva pure essere vagamente credibile, cosi invece è semplicemente ASSURDA.
A mio avviso un film di questo genere butta solo fango sull'amore omosessuale, rendendolo "sbagliato" e "malato" come alcune persone lo vedono e vogliono vederlo, e in questo caso il pregiudizio ahimè non c'entra proprio più niente.

Non comprendo come possa essere eccitante un atto erotico con un fratello.


Voi che ne pensate?

Ale!

20 commenti:

signorino tumistufi ha detto...

al sol pensiero mi vengono i brividi..

signorino tumistufi ha detto...

cioè.., da piccoli qualche toccatina è possibile, ma da grandi bisogna, ci si deve, limitare e capire che il fratello è un fratello.non è un amante.

rainbowboy ha detto...

per rispondere bisognerebbe avere un fratello e io non ce l'ho...ma questo non mi impedisce di pensare che scatterebbero dei freni inibitori quindi non lo trovo possibile...ma...e dico ma:) ho avuto un cugino, e come altri amici omosessuali con i loro cugini quando ero piccolo anche io ho giocato al dottore ma penso che in quel caso è diverso...crescendo le cose cambiano nel senso che si crea il giusto distacco...invece il film va in senso opposto.

Shion86 ha detto...

Inutile dire che vorrei sapere come viene affrontato questo argomento nel film, ma già il trailer mi fa venire i brividi...

L'incesto è sempre stato un tabù per qualunque società, quindi penso che qualunque tipo di commento risulterebbe superfluo, tutti chi più o meno consciamente sanno che c'è qualcosa di sbagliato. A tutto ciò poi ognuno trova le valenze/spiegazioni che vuole (psicologiche, biologiche,religiose), ma dal fatto che tutti in generale aborrono una cosa del genere non ci piove.

Dietro al desiderio che spinge una persona a nutrire sentimenti e desiderio sessuale verso un proprio consanguineo c'è ovviamente qualcosa di psicologico però mi rendo conto che effettivamente è un tema più complesso di quello che sembra..

Devo decidermi a leggere Freud prima o poi... maledetto tempo tiranno!

Sciukri ha detto...

Scusate, ma mi sembra di leggere gli stessi commenti poco carini che di solito si fanno nei confronti degli omosessuali.
Secondo me la situazione descritta nel film, per quanto insolita, non è inverosimile: se esiste la parola "incesto", una ragione ci sarà.
Io ci andrei cauto con le condanne. Se due adulti liberi - e "consenzienti", come si dice - si amano, che fanno di male?
Qualcuno dirà "ma è contro natura!", ma allora potrei rispondere che anche l'omosessualità è contro natura. Qualcuno dirà "ma in natura molte specie animali hanno comportamenti omosessuali; però, potrei ribattere che tra gli animali comportamenti "incestuosi" non sono meno frequenti. Come la mettiamo?
Insomma, ditemi quello che volete, ma due persone che si amano, fratelli o no, io le rispetto. Sono malati? Non credo. Ma anche se fossero malati, meriterebbero per questo le offese e il disgusto della gente "normale"?
Bel post, comunque.

Lolò ha detto...

Io mi trovo d'accordo con Sciukri

rainbowboy ha detto...

no infatti anche io sono d'accordo con sciukri..solo che c'è anche da considerare che mentre l'eterosessualità e l'omosessualità sono questioni di orientamento sessuale (e quindi non scelte) in questo caso si tratta di una scelta, uno sceglie di "farsela" col fratello o la sorella, e allo stato attuale ricordo che nell'ordinamento giuridico del nostro Paese e credo della maggior parte dei Paesi occidentali(ma potrei anche sbagliarmi) è reato se la relazione desta pubblico scandalo (non è tale, cioè penalmente rilevante se vissuta nel segreto delle mura di casa e non costituisca altro reato come per esempio violenza sessuale).

Simone86 ha detto...

non vedo perchè stai blastando a questa manera una situazione del genere ale.
Anzi, il film potrebbe essere al 200% verosimile. Non è vero che non si possa provare attrazione sessuale verso un fratello. In fondo l'attrazione sessuale è un istinto, una cosa che comunque non controlli con la mente. Come dice Sciukri "se esiste la parola "incesto", una ragione ci sarà."
Hanno iniziato un rapporto molto forte sin da quando erano piccoli e quando si cresce subentrano altre variabili, tra cui la fisicità... e nn vedo cosa ci debba essere di MALATO in tutto questo?
Lo definisci MALATO perchè la Cultura in cui viviamo ha definito un amore "sessuale" tra fratelli un INCESTO, un comportamento malato. Ma chi lo ha stabilito? NOI! Se quei 2 fratelli si amano che lo facciano, perchè non dovrebbero? L'amore è un fattore incondizionato che prescinde dal DNA o dai geni che siano della stessa famiglia o no.
Io quindi non condivido il tuo termine MALATO e il gettare fango sull'omosessualità. Perchè allora ogni telenovela sarebbe un "GETTARE FANGO SULLA ETEROSESSUALITà", dato che praticamente si scopano tra fratelli, cugini, madri e figli ecc? No. Semplicemente lo definiamo immorale e INNATURALE solo perche dall'accoppiamento di 2 esseri della stessa famiglia possono nascere figli con degli handicap. Quindi Incestuoso, immorale, innaturale. mai stato + in disaccordo con un pensiero del genere.
Quindi il film potrebbe essere anche un bel film, e se capita lo scaricherò. :)

Daniele ha detto...

mh... tema interessante..

posso dire che avendo un gemello e un fratello più grande faccio davvero molta fatica a comprendere ed immedesimarmi in questo genere di "sentimento". sono gay ma una cosa del genere non credo di averla mai provata. tuttavia non credo sia impossibile.
anche perché se quei due da grandi vogliono stare insieme ed amarsi che vogliamo fare gli spariamo?? in fondo un fratello è una delle persone che conoscerai meglio in vita tua sia nelle cose positive che in quelle negative.
ripeto, personalmente mi farebbe ribrezzo, e la trovo una situazione un pò al limite, però ognuno ha il suo percorso di vita :)

Alessandro! ha detto...

Effettivamente mi avete fatto riflettere molto sull'argomento... piu di quanto non avessi fatto da solo, ed era questo l'indirizzo del post, stimolare un confronto sul tema.

Ergo riflettendoci si, ognuno è libero di fare ciò che vuole, e va benissimo, però ciò che ho scritto l'ho detto riflettendo proprio sull'approccio sessuale con un consanguigno che ho trovato veramente nauseante. Un cugino ovviamente ci può stare, ma un fratello... boh..

Tuttavia liberi di fare ciò che vogliono.

Ale!

Anonimo ha detto...

Ragazzi colgo la palla al balzo...e pensavo di farne un post...ma mi avete anticipato...
Conoscete anche voi questo film???
In Brasile e Spagna è scoppiato il caso...E vi dirò...
Pensavo di essere l'unico a pensare " e che male c'è?" Ditemi che nn sono l'unico...
Ma come...sventoliamo da tutte le parti le bandiere dell'amore libero anche dello stesso sesso e perchè questo deve creare disgusto...ma come ...non dovremmo essere noi quelli di mentalità aperta???
In spagna e brasile ampi consensi...nonostante moltissime critiche...poichè l'argomento è davvero sconosciuto ed in moltissimi casi lo si associa ad una malattia od adirittura pedofilia...
E' chiaro e sono d'accordo che normalmente non dovrebbe accadere...vedi psicologie ed età diversi....ma nel caso di molte somiglianze e diversi punti in comune...vivi con tuo fratello per tutti i primi anno della tua vita e ti trovi bene perchè non dovresti continuare...che poi...in quanti dicono " i miei più bei ricordi sono collegati all'infanzia ed alla mia famiglia"? Non può essere anche questo un caso da considerare?
Io non ci vedrei nulla di male...purchè consenzienti...Non solo la scopatina...ma proprio provare sentimenti...che male ci sarebbe ?
Besos ;)

Ricky Dog ha detto...

Probabilmente è vero che questo film rischia di "buttare fango sull'amore omosessuale", ma questo non per il film in sè, ma per l'ignoranza della società, delle persone che lo guardano. Non solo perchè partirebbero dal presupposto che l'incesto sia sbagliato (cosa di cui si può discutere), ma soprattutto perchè chi vede questo trailer collegherebbe subito l'amore incestuoso all'amore omosessuale, magari tirando fuori delle teorie freudiane su come l'omosessualità sia causata dall'ambiente familiare (magari da una scoretta educazione dei genitori).
Altro discorso sull'incesto in sè. quando si tratta di incesto eterosessuale, non riesco a non trovarci qualcosa di sbagliato: i giornali avevano parlato di una coppia di fratelli tedeschi che avevano deciso di stare insieme e avevano avuto dei figli, la maggioranza dei quali (se sopravvissuti) con grossi handicap; come si fa a voler mettere al mondo dei figli sapendo quanto soffriranno? Invece l'incesto omosessuale mi sconvolge meno, probabilmente perchè non c'è il problema correlato alla procreazione... L'argomento è delicato: come si fa a distinguere dall'esterno un amore consenziente tra genitore e figlio da un controllo morboso del genitore sul figlio?
Alla fine però è vero, se è amore è amore, chi può impedirlo? Chissà che, in futuro, non ci sarà anche un incest pride?
ps il film è da vedere

rainbowboy ha detto...

ragà io capisco la difesa sacrosanta della liberta sessuale e sentimentale di ogni individuo, però cercate di non trattare in maniera eguale situazioni diverse, come già ho detto su l'omosessualità è inclinazione naturale, andare col consangunio è una scelta consapevole: perchè non è che come le bestie seguiamo solo le emozioni abbiamo anche la capacità di ragionare..e non dico che sia un male in sè una relazione così, però se non fosse tra collaterali ma bensì tra genitori e figli la riterreste altrettanto lecita dal punto di vista naturale? Secondo me non lo è...c'è un problema relazionale in una famiglia così

Alessandro! ha detto...

Rainbow io ti quoto in pieno.

Shion86 ha detto...

Anche io quoto rainbowboy che giustamente ha sottolineato l'importanza di considerare il problema anche da un punto di vista più generale e non solo tra fratelli...

signorino tumistufi ha detto...

sì va beh.., ora son tutti dei liberal-estremisti.
non è che dobbiamo mettere il tema dell'omosessualità ovunque..., e non è che per il semplice motivo di essere gay, allora dobbiamo accettare qualsiasi cosa, e abbiamo il dovere di mostrarci come i massimi liberali del mondo.
l'incesto è una cosa, l'omosessualità un'altra.
ognuno può fare quello che vuole (tutto tranne lo sfruttamento di bambini), ma legittimare come cosa "normale" o "accettabile" l'incesto, io non ci sto.
il fratello ha il tuo stesso sangue, è nato dalla tua stessa madre, e pensare di scopare con mio fratello mi farebbe stare male, cadere in depressione, in uno stato di disagio totale, e mi provocherebbe vomiti quotidiani.
sicuramente ci saranno problemi più profondi, qualora avvenga un incesto.
dai, non scherziamo..

Anonimo ha detto...

io sono d'accordo con il signorino. ho un gemello e per tanti anni l'ho amato in maniera sconsiderata...ovviamente di un amore puro e sconfinato. poi le vicende della vita ci hanno separati. non sono un bieco moralista ma ringrazio dio di non aver mai provato attrazione fisica nei confronti del mio gemello. se è pur vero che ciascuno deve rispettare le scelte sessuali degli altri, sono d'accordo con chi dice che è una castroneria equiparare omosessulità ad un incesto. persino nell'antica grecia, dove l'omosessualità era accettata, diffusa e praticata, l'incesto era considerato un aberrazione umana. mi spiace, ma è più forte di me...pensare ad un raporto sessuale consumato con un fratello, una sorella, una madre o un padre, mi fa rivoltare lo stomaco. discorso a parte merita il cugino..hihihhi...io ne ho uno figo e qualche pensierino non molto edificante, qualche volta, l'ho partorito anche se poi non si è mai fatto nulla!!!

william

Sciukri ha detto...

L'immaginario erotico, nella sua vastità, contempla rapporti tra fratelli (meglio se gemelli), tra genitori e figli, tra uomini e animali, eccetera. Dico solo che esistono, che sono fantasie che eccitano alcuni.
Il problema che pongo è: dove fissare il limite della decenza (o della morale, o della malattia, o altro ancora)? I comportamenti possono essere tali e tanti da richiedere qualcosa in più di un semplice "no, è uno schifo, punto e basta". Qualcuno può farmi l'elenco delle cose che si possono fare e delle cose che non si possono fare? Ma voglio un elenco dettagliato.
La condanna dell'incesto, storicamente, è avvenuta più su basi culturali e socio-economiche che "naturali" o biologiche (vedi Wikipedia).
Ribadisco: per me ognuno può fare quello che vuole, purché non vada contro la volontà e la libertà di chi "subisce" quella determinata azione. Se due fratelli vogliono scopare, scopino pure. Il mio eventuale disprezzo non conta.

Lolò ha detto...

Bravo Sciukri. Il "io non lo farei e mi viene da vomitare al solo pensiero" è tanto condivisibile quanto non può (e NON DEVE) essere la motivazione per aberrare un tale comportamento. Ma se siamo noi i primi ad esser discriminati per lo stesso motivo ("ah che schifo un frocio").
Poi fino a che punto sia una scelta personale amare un fratello o una sorella, è da vedere. L'amore non è mai una scelta.

rainbowboy ha detto...

ciao..grazie a chi ha quotato il mio commento...lolò hai ragione anche tu quando dici che l'amore non è una scelta, ma l'amore per un fratello o una sorella istintivamente dentro di noi ha una colorazione diversa da quella che può avere l'amore per il partner, se invece non è così significa che ci sono dei problemi nei rapporti in famiglia..che poi ognuno debba essere libero non si discute (tant'è che trovo anacronistico che ci sia ancora l'art.564 nel c.p., anche perchè non viene applicato più) ma un saltino al consultorio una famiglia così, lo dovrebbe fare secondo me.